top of page

BLOG-ART

Vivian Maier






“Be', suppongo che niente sia destinato a durare per sempre. Dobbiamo fare spazio ad altre persone. È una ruota. Vai avanti, devi andare fino in fondo. E poi qualcuno ha la stessa opportunità di andare fino alla fine e così via.”


Vivian Maier (1 febbraio 1926 - 21 aprile 2009) è stata una fotografa di strada americana nata a New York City. Sebbene sia nata negli Stati Uniti, è stato in Francia che Vivian Maier ha trascorso la maggior parte della sua giovinezza.


Tornò negli Stati Uniti nel 1951 dove iniziò a lavorare come bambinaia e badante per il resto della sua vita. Nel tempo libero, tuttavia, Vivian aveva iniziato ad avventurarsi nell'arte della fotografia.


Scattando costantemente foto nel corso di cinque decenni, alla fine avrebbe lasciato oltre 100.000 negativi, la maggior parte dei quali scattati a Chicago e New York City. 


Vivian Maier si abbandonerà ulteriormente alla sua appassionata devozione nel documentare il mondo che la circonda attraverso film, registrazioni e collezioni fatti in casa, assemblando una delle finestre più affascinanti sulla vita americana nella seconda metà del ventesimo secolo.


Nell’arco della sua vita realizza oltre centomila fotografie, ma il suo lavoro rimane sconosciuto fino a quando John Maloof lo scopre per puro caso.

Vivian Maier e, soprattutto, la sua vasta quantità di negativi,  è stata scoperta nel 2007, grazie alla tenacia di John Maloof, anche lui statunitense, giovane figlio di un rigattiere.


Nel 2007 il ragazzo, volendo fare una ricerca sulla città di Chicago e avendo poco materiale iconografico a disposizione, decise di comprare in blocco per 380 dollari, ad un'asta, il contenuto di un box zeppo degli oggetti più disparati, espropriati per legge ad una donna che aveva smesso di pagare i canoni di affitto.


Mettendo ordine tra le varie cianfrusaglie (cappelli, vestiti, scontrini e perfino assegni di rimborso delle tasse mai riscossi), John Maloof reperì una cassa contenente centinaia di negativi e rullini ancora da sviluppare.


Dopo aver stampato alcune foto, John Maloof le pubblicò su Flickr, ottenendo un interesse entusiastico e virale e l'incoraggiamento della community ad approfondire la sua ricerca.


“Vivian Maier ci disse: Chiamatemi Smith”, voleva semplicemente essere qualcun altro, come molti di noi.


Tutte le fotografie sono © Vivian Maier


1 - Self-portrait, trip overseas, 1959

2 - Chicago, IL 1954

3 - New York, NY, ca. 1950

4 - Chicago, IL, May 27

5 - New York, April, 20th Century

6 - New York, NY, 1955



Comentarios


Los comentarios se han desactivado.
bottom of page